venerdì 11 dicembre 2015

Pashà Restaurant a Conversano

È un'esperienza indimenticabile da provare se venite in Puglia, il ristorante di Antonello Magistà e della sua dolce e riservata mamma, Chef del loro intimo Ristorante Pashà a Conversano, Maria Cicorella. 
Maria Cicorella ha vinto il reality -show dedicato alla cucina in China ma lei non è solo questo, lei è una Stella Michelin ed è semplice, silenziosa e laboriosa!
La sua cucina emoziona e lascia stupiti per tanta passione, ricerca e sapienza. 

Il ristorante si trova nel centro storico di Conversano, un paesino caratteristico  con il suo castello, le sue scalette e i suoi vicoli... 




Puoi scegliere di perderti nel suo centro storico, e trascorrere un week-end all'insegna dell'eccellenza a tuttotondo, dividendo sapientemente il tuo tempo tra un'esperienza gourmet che solo Maria Cicorella può donare e un soggiorno in una struttura di charme come Corte Altavilla. 




mercoledì 21 ottobre 2015

Selfie sui Social per un Pasticciotto gratis per un mese a Milano


Un bar tutto salentino, il primo Salento Bar, è arrivato a Milano in via Delio Tessa 2, nei pressi di corso Garibaldi.  

Ph. Facebook fanpage Santu Paulu

Regnano le icone per eccellenza del Salento, ormai dei prodotti-identità del territorio: il Pasticciotto e il caffè Quarta. I giovani imprenditori, tutti salentini, scelgono un nome che non fa altro che coronare l'identità del bar:  "Santu Paulu" (san Paolo). 
San Paolo infatti, era il santo cattolico che, per primo, aveva accolto il fenomeno del tarantismo, considerato sino ad allora un rito pagano.

Un mese di Pasticciotto gratis a chi?
Questa l'iniziativa dei proprietari: pubblicizzare tramite i social network, delle promozioni durante la cerimonia di apertura, come la ricezione di un buono valido un mese, con la consumazione doppia di caffè e un pasticciotto al giorno... In cambio di cosa? Solo in cambio di un selfie da postare sul web. 

Ah, dimenticavo... Ovviamente cliccate "Mi piace" sulla fanpage di Santu Paulu!

Pasticciotto gratis per un mese a Milano

Il primo Salento Bar è arrivato a Milano in via Delio Tessa 2, nei pressi di corso Garibaldi. Un bar tutto salentino ed è subito un bagno di folla. 
Regnano le icone per eccellenza del Salento, ormai un'identità del territorio: il Pasticciotto e il caffè Quarta. con   I giovani imprenditori, ovviamente salentini scelgono un nome che non fa altro che coronare l'identità del bar:  "Santu Paulu" (san Paolo) infatti, era il santo cattolico che, per primo, aveva accolto il fenomeno del tarantismo, considerato sino ad allora un rito pagano.

Un mese di Pasticciotto gratis a chi?
Questa l'iniziativa dei proprietari: pubblicizzare tramite i social network, delle promozioni durante la cerimonia di apertura, come la ricezione di un buono valido un mese, con la consumazione doppia di caffè e un pasticciotto al giorno... In cambio di cosa? Solo un selfie da postare on line. 



SALENTO: METANODOTTI E SCORIE NUCLEARI AL POSTO DEGLI ULIVI!


di Gianni Lannes

Attenzione alle menzogne di Stato e della famigerata Unione europea che impone di tagliare gli ulivi del Salento. Renzi ed Emiliano, dove sono le analisi di tutti gli alberi d’ulivo del Salento? A proposito di Xylella fastidiosa, ecco la mappa ufficiale della regione Puglia. Ufficialmente, gran parte del territorio salentino sarebbe contaminato, ma di analisi ulivo per ulivo neanche l’ombra. In realtà, a tutt’oggi, non esiste la benché minima prova scientifica. La cosiddetta “infezione” è un contagio inventato a tavolino da chi comanda. Ma per far posto a cosa? Gasdotti sicuramente, ma anche l’ennesimo cimitero di scorie nucleari nazionali, definito impropriamente deposito. Interpellato direttamente in proposito, il presidente pro tempore Michele Emiliano, tace.

Italia depredata, usata come uno zerbino e il Mezzogiorno peggio ancora come discarica, grazie al favore di chi abusivamente bivacca a Palazzo Chigi, essendo stato imposto dal Napolitano ma non votato dal “popolo sovrano”.

L’Europa impone e comanda su dettato del potere economico: addio a natura, storia, archeologia, cultura e vita a dimensione umana, in un’antica terra del Sud. I tre tracciati del metanodotto Snam che collegheranno ilTrans-Adriatic Pipeline da Melendugno allo snodo di Mesagne, attraversano i territori su cui le autorità presumono di aver rinvenuto i maggiori focolai di Xylella fastidiosa, e su cui sono previsti gli abbattimenti più massicci a Veglie, Oria e Torchiarolo. Coincidenze? Tanto basta a far sorgere documentati dubbi sugli anomali disseccamenti per far tabula rasa rapidamente. Secondo la cronaca documentale, a tutt’oggi, non è stata ancora fornita una prova scientifica sulla reale presenza della Xylella. Piuttosto, l’argomento saltò fuori nell’ottobre 2010, in occasione di un convegno internazionale in Puglia e così il TAP che rifornirà di metano l’Europa dall’Azerbaigian, sacrificando la bellezza paesaggistica dell’Italia.

Il 20 maggio 2015 il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi ha firmato il Decreto di Autorizzazione Unica, abilitando la costruzione e l’esercizio dell’opera, approvando il progetto e dichiarando altresì la pubblica utilità, indifferibilità e urgenza dell’infrastruttura, anche ai fini degli espropri. I lavori inizieranno entro il 16 maggio 2016 e l’operatività dell’infrastruttura dovrà avvenire entro il 31 dicembre 2020. Ecco perché con il pretesto della Xylella, si addormentano più in fretta le proteste popolari, spianando le selve di ulivi plurisecolari. Il ministro Orlando nel Salento ha dichiarato: «Tap e Xylella non sono questioni da mettere sullo stesso piano».

Leggi l'articolo completo su

Tricase News  http://www.tricasenews.it/2015/10/salento-metanodotti-e-scorie-nucleari-al-posto-degli-ulivi/

Riferimenti:

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/06/29/15A05031/sg
http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2014-08-29/la-commissione-nazionale-via-autorizza-gasdotto-tap-salento-151134.shtml?uuid=AB3ekXoB&refresh_ce=1http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/per-i-media/comunicati-stampa/2032759-tap-ministro-guidi-firma-decreto-autorizzazione-unica-metanodotto

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/10/cimitero-nucleare-ecco-dove.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/10/xylella-fantasma-proteste-in-puglia.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=xylella

https://www.youtube.com/watch?v=KbljdOdISrg

https://www.youtube.com/watch?v=oomUQHFp81M

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/07/11/15A05365/sg;jsessionid=JQpFwMFY7evRFervOLZoYw__.ntc-as3-guri2a

http://www.regioni.it/inparlamento/2015/07/01/d-m-19-06-2015-xylella-misure-di-emergenza-per-prevenzione-controllo-ed-eradicazione-411319/

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=tap

sabato 10 ottobre 2015

Gli Hospitality Social Awards di Riccione



Per il quarto anno consecutivo, a Riccione, si sono svolti gli Hospitality Social Awards organizzati dalla società TeamWork di Rimini. 
Un'intera giornata dedicata al mondo dell'ospitalità: dai consigli pratici e tecnici per gli albergatori e gli operatori, ai seminari sul marketing, web marketing, Social media, Revenue, interventi dei leader del settore, aziende che operano nel settore e infine, la premiazione degli Hospitality Social Awards 2015 dedicati alla migliore attività svolta sui Social network. 

Queste le categorie: 

Hotel aggregati
Hotel indipendenti
Ristoranti
Stabilimenti balneari
Destinazioni turistiche

Quest'anno ho partecipato alla manifestazione con una marcia in più, perché l'azienda che ho seguito come Social Media Manager per quasi due anni, è arrivata tra i nove finalisti della categoria "Destinazioni Turistiche", su sessanta realtà iscritte. 
Della nostra Puglia, presente in finale solo un'altra realtà, i restanti erano del nord Italia. 

Ha vinto Bologna Welcome, tra le nove destinazioni finaliste. 

La Puglia in realtà è stata premiata e con il premio speciale "Travel Appeal", che è andato all'Hotel Borgo Marina di Rodi Garganico. Travel Appeal è il colosso del bigdata con un portfolio clienti da invidia, che in tanti avranno conosciuto anche grazie ai dati relativi alle elezioni per la Capitale della Cultura Europea 2019. 

"Hospitality Day" apre le porte alla TTG Rimini, fiera dedicata all'industria del turismo che inaugura il giorno successivo e termina nel week-end. 
Alcuni dei nostri operatori del settore, viaggiano continuamente per aggiornarsi, far conoscere e vendere il nostro brand al mondo. Un riconoscimento particolare della crescita del nostro territorio va a loro... E mi chiedo: Riccione come Rimini, offrono divertimento e servizi incredibili nelle proprie spiagge ma finita la stagione regna la pace tra le vie e le stradine delle località. Rimini meno rispetto a Riccione. Quest'ultima, sta prendendo come punto di riferimento la prima e infatti ha messo a disposizione un Palacongressi non esagerato, con annesso un centro commerciale al piano terra, un cinema multisala al piano primo e una terrazza panoramica con locali idonei ad organizzare eventi non di poca importanza al piano quinto. I restanti piani sono dedicati all'accoglienza e ai servizi, e alle sale congressuali, il tutto in soli 5 piani. 
Quando cala il sipario sulla stagione estiva, si cerca di far vivere la città di congressuale, cosa che potremmo offrire anche noi, se solo avessimo delle strutture come questa... E  la volontà che hanno i romagnoli.  






lunedì 5 ottobre 2015

IFTM Top Resa Paris, realtà di notevole importanza per incrementare il turismo.

Tutto il mondo si ritrova a Parigi come ogni anno per partecipare attivamente a Top Resa, la fiera internazionale del turismo.



Qui ogni luogo, anche il più nascosto, ha il suo posto in vetrina. 
La IFTM è una fiera di importanza internazionale nella quale domanda e offerta si incontrano per generare proposte di viaggio interessanti. E' un'opportunità imperdibile non solo per le grandi agenzie di viaggio, le catene alberghiere, per le aziende di servizi e forniture ma lo è anche per le realtà più piccole e allo stesso tempo di notevole rilevanza. 
L'agenzia Italia.it offre l'opportunità di essere presenti in fiera con il proprio materiale informativo, presenziato da hostess competenti. Basta essere accreditato con la Regione Puglia. 
Ogni anno nuove aziende fanno capolino nel mondo del turismo, l'industria del nostro territorio che va seguita e valorizzata. 

sabato 26 settembre 2015

Dall'Inghilterra alla Puglia: nuovi trend per il mondo del wedding!


In questi giorni mi trovo a Londra per il National Wedding Show, la storica fiera dedicata ai futuri sposi inglesi. 
Qui in prima linea tutte le nuove tendenze del wedding: inviti, organizzazione, viaggi di nozze, allestimenti, abiti, trucco, parrucco e ovviamente anche varie agenzie che organizzano il matrimonio in tutti i dettagli per sposi, amici e parenti rigorosamente al di fuori del Regno Unito.


 
Si, avete capito bene. Perché agli inglesi, poco importa del lusso, dello sfarzo... Ciò che conta è stare bene, divertirsi con la giusta compagnia!
Ecco che si preparano per questo grande evento, scegliendo una location italiana e perché no, proprio pugliese. 
Alcune strutture presenti in tutto il territorio, da anni accolgono questo concept che non è principalmente inglese. 
Arrivano in trenta, cinquanta o poco più, sono tutti parenti e amici che pagano per se il loro soggiorno in Puglia pur di festeggiare il matrimonio dei loro cari, in strutture fronte mare o in masserie non troppo lontane delle spiagge e comunque attrezzate con piscina e sale. Per gli sposi solo un piccolo pensiero... Obbiettivo comune: divertimento. 

E allora "Let's get married in Italy"!

lunedì 21 settembre 2015

La Puglia trionfa a Venezia

La Puglia trionfa, con un video-documentario su Torre Guaceto, alla 72a edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Ph. Official Twitter profile @TorreGuaceto

Nell’ambito dei Venice Days, rassegna che si svolge all’interno della Mostra del Cinema di Venezia, è stato premiato il documentario “Torre Guaceto” di Santa NastroFrancesco Saccente e Nicola Faccilongo, selezionato tra i 138 prodotti nell’ambito del progetto “arTVision. A live art channel”

Il video, girato nel nel castello di Carovigno e nella riserva naturale di Torre Guaceto è stato premiato dalla giuria, presieduta da Maria Giuseppina Troccoli (Dirigente di Produzione, Distribuzione, Esercizio e Industrie Tecniche del MiBACT), con Giuseppe Ghigi (critico cinematografico), Roberto Pisoni(direttore di Sky Arte) e Antonello Tolve (ricercatore e critico d'arte), “per aver saputo rendere in immagini quale sia stato lo sforzo di unire intelletti artistici tanto eterogenei quanto accomunati dalla loro provenienza e dalle loro visioni”, contribuendo “alla compenetrazione del nostro patrimonio paesaggistico in quello artistico e culturale”.

Il premio arTVision fa seguito al Protocollo d’Intesa sottoscritto dalla Regione Puglia e Regione Veneto con la Direzione Generale per il Cinema del MIBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo). Il progetto vuole coinvolgere a livello  culturale i Paesi dell’area adriatica, con lo scopo di valorizzare gli artisti locali a livello globale e favorire la mobilità delle opere d’arte e delle loro menti sempre alla ricerca d'ispirazione e nuovi stimoli. I territori partner che fanno parte del progetto sono: AlbaniaCroaziaMontenegro, Puglia e Veneto.



martedì 15 settembre 2015

Un'ottima notizia per i nostri ulivi... Xylella sconfitta con antica pratica agronomica che salva la pianta.

Ph. primapaginadiyvs.it

Il tentativo di salvare l’ulivo conosciuto come ‘il gigante di Alliste‘, (circa 1500 anni di età) dal disseccamento rapido provocato dal batterio della Xylella fastidiosa é stato praticato alla presenza di José Bové.  Un  innesto di gemme di Leccino che permette di sfruttare uno dei mezzi di autodifesa della pianta. 

 I risultati positivi sono stati riscontrati anche in altri esemplari di ulivi, circa un centinaio. 

In pratica, attraverso al un nuovo apparato fogliare non aggredibile, si accelera la produzione di cerchie legnose attive, che risultano più veloci rispetto alla colonizzazione radiale del legno da parte del batterio.

Leggi di più e guarda il video su http://www.videoandria.com/2015/09/14/video-vittoria-per-gli-ulivi-pugliesi-xylella-sconfitta-con-antica-pratica-agronomica-che-salva-la-pianta-senza-bisogno-di-eradicare/

mercoledì 9 settembre 2015

Porto Miggiano rappresenta la Puglia in mostra con "Discover The Other Italy"

Parte da Shanghai la mostra "Discover The Other Italy"
Venti scatti selezionati che raccontano l'Italia. 

La scelta della città di partenza non è casuale, celebra infatti il gemellaggio tra Shanghai e Milano. Nel 2010 è stata  proprio Shanghai ad  ospitare la scorsa edizione dell' Expo. 

Tra tutte le foto, questa è quella che è stata scelta per raccontare la Puglia.  


PUGLIA, foto di Roberto Rocca

L’Italia è un Paese dove la linea costiera è lunga circa 7-8000 chilometri, a seconda delle stime: siamo terzi in Europa, dietro alla Norvegia e alla Grecia. La Puglia può vantarne una buona percentuale: qui siamo nel Salento, vicino a Santa Cesarea Terme, dove la baia di Porto Miggiano non lascia certo indifferenti.


Fonte

http://www.touringclub.it/notizie-di-viaggio/il-giro-ditalia-in-venti-fotografie-eccezionali-piu-una

Incantevole Malcandrino


Una vecchia cava nei pressi di Monteroni, in provincia di Lecce, sapientemente recuperata e trasformata in una location per eventi, nonché in un suggestivo ristorante incorniciato da una bottaia che arreda le pareti. 


Il Malcandrino vi accoglie in un grande feudo nelle immediate vicinanze di Lecce, con una torretta che racchiude un pozzo, scavato a mano in tempi antichi. 

Il luogo è senza alcun dubbio rilassante, come l'attenzione al cliente e la gentilezza. 


Grande cura nel consigliare i vini e i piatti dello chef, il giovane Alfredo De Luca ex sous-chef di Donato Episcopo, completano l'atmosfera, in grado di farvi 'assaporare' ogni piccolo particolare della serata. 

I piatti dello Chef





Esterni



Ingresso alla cava




sabato 5 settembre 2015

Cantine Aperte in Vendemmia


Le numerose aziende aderenti all’iniziativa hanno puntato molto sui fine settimana formato famiglia - con l’uva e la voglia di campagna che chiamano a raccolta per le tante esperienze multisensoriali - la Puglia 
(27 settembre) propone anche eventi-degustazione pensati per la stampa specializzata italiana ed estera. 

Per info sugli itinerari di Puglia

Per informazioni e prenotazioni 

mercoledì 2 settembre 2015

Le giornate Open Lighthouse, organizzate dall'Agenzia del Demanio con il supporto di Touring Club Italiano e WWF


IL PROGETTO VALORE PAESE

L’organizzazione dell'evento è a cura dell'Agenzia del Demanio, che si è avvalsa della collaborazione del Wwf e del Touring Club Italiano. Nell'ambito del progetto Progetto Valore Paese – Fari, che prende in considerazione undici fari italiani, si è deciso di aprirne al pubblico sette nel mese di settembre. Si è appena conclusa, infatti, la fase di consultazione pubblica on line, propedeutica alla pubblicazione in autunno dei bandi di gara grazie ai quali i fari potranno essere dati in concessione fino a 50 anni. E diventare location anche per hotel di grande fascino. 

Nel dettaglio: l’11 e il 25 settembre sarà possibile visitare il Faro di San Domino alle Isole Tremiti (Fg). 

Sottolineiamo soprattutto la presenza tra i sette fari di quello di San Domino alle isole Tremiti, all'interno del parco nazionale del Gargano, dove il Touring Club Italiano ha da decenni uno splendido villaggio marittimo in una delle zone più belle di San Domino. E' quindi con grande piacere che l'associazione, legata da sempre alle Tremiti, saluta l'apertura di questo faro.



COME FARE PER VISITARE I FARI
A partire dal 7 settembre i fari saranno aperti alle visite in Sicilia, Campania e Puglia per tutti coloro che si preaccreditano attraverso la sezione dedicata sul sito www.agenziademanio.it. Ilpreaccredito deve essere affettuato dopo aver preso visione e avere firmato la liberatoria che andrà allegata ed inviata agli indirizzi di posta elettronica indicati sul sito dell’Agenzia, insieme a una copia del documento di riconoscimento e ai propri contatti.
Tutte le informazioni su Valore Paese – Fari sono disponibili suwww.agenziademanio.it, nella sezione dedicata al progetto accessibile direttamente dalla homepage.

lunedì 31 agosto 2015

Locorotondo, uno dei Borghi più belli d'Italia

« Sapete quale il bello di Locorotondo? Che quando vai via nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo che resta li ad aspettarti »
(Giuseppe Giacovazzo)


Locorotondo (U Curdunn in dialetto locorotondese). 

Sorge nella Valle d'Itria dove secoli fa la tradizione vuole scorresse l'omonimo fiume, ma il nome Valle deriva dalla Madonna dell'Odegitria.

Locorotondo conta 146 contrade. Queste hanno nomi strani e caratteristici come Pozzomasiello,Francischiello, Macco Macco, Muso Rosso, Uacella e Ficazza.


La nascita del comune di Locorotondo risale intorno all'anno 1000; situato anticamente ai piedi della collina, successivamente in cima, si narra che Locorotondo fu ampliato dopo un miracolo di San Giorgio Martire, così la devozione del popolo fece costruire una cappella al Santo, che verso l'inizio del Seicento fu proclamato patrono del paese. 

Questo comune ha avuto molti nomi prima di quello attuale. Inizialmente si chiamava Casale San Giorgio (in onore del patrono), poi Casale Rotondo, successivamente Luogorotondo e solo nel 1834 fu chiamato Locorotondo. Il toponimo richiama la caratteristica forma del centro storico, un insieme di piccole case bianche disposte su anelli concentrici.

La festa di San Giorgio Martire, protettore di Locorotondo (fino al 1786 patrono del paese), si tiene ogni anno nei giorni 21,22,23(giorno solenne) e 24 aprile.

La festa religiosa più importante del paese è decisamente quella di San Rocco, patrono di Locorotondo dal 1787. La festa inizia il 6 agosto con la novena nella chiesa dedicata al santo e termina il 17 agosto.

Nei giorni della festa in onore del santo protettore, le vie cittadine illuminate dalle stupende luminarie, vari spettacoli di arte pirotecnica nella Valle d'Itria, concerti bandistici e grande fiera di mercie varia nei giorni della festa patronale.


Un posto caratteristico in cui poter gustare piatti tradizionali è "U' Curdunn", nel centro storico del borgo. 


Il ristorante tipico pugliese è situato nelle suggestive stradine del centro storico di locorotondo, il paese proclamato come uno dei migliori borghi italiani da Bandiera Arancione Touring CLub.
Nel ristorante U Curdunn, sarete accolti in un atmosfera curata nei minimi particolari e sarete lieti di apprezzare i migliori piatti del territorio. Il profumo, il sapore e il gusto che accompagneranno con classe ogni portata fanno parte di una composizione armoniosa, realizzata unendo i classici elementi della cucina tipica pugliese con il fascino del moderno.

 http://www.ucurdunn.it/index.html


Se vi ho incuriosito a sufficienza e se volete trascorrere questo week-end a Locorotondo, ho trovato una chicca per vivere la vostra esperienza in un trullo, a pochi passi dal centro. 




mercoledì 26 agosto 2015

Monte Sant'Angelo




[Ph. Denise Barletta on Facebook]

Situato nella provincia di Foggia, in Puglia, celebre per il santuario di San Michele Arcangelo (Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO), è meta di pellegrinaggi dei fedeli cristiani


Secondo la tradizione, un certo Elvio Emanuele, ricco pastore e signore del Monte Gargano, aveva smarrito un toro di sua proprietà. Dopo vari giorni di ricerca lo trovò inginocchiato all'interno di una spelonca quasi inaccessibile. Vedendo l'impossibilità di dargli soccorso, il ricco pastore scoccò una freccia che inspiegabilmente, tornò indietro, ferendolo. L'uomo rimase assai turbato dell'accaduto e raccontò il tutto al vescovo di Sipontosan Lorenzo Maiorano. Questi così ordinò ai fedeli tre giorni di penitenza. Al terzo giorno, l'8 maggio del 490 l'arcangelo Michele apparve al santo vescovo e gli ordinò di dedicare la grotta al culto cristiano in suo nome. Dopo questa apparizione (detta del Toro) l'Arcangelo si manifestò al vescovo Maiorano nel 492 e nel 493.

Nel 2014 la National Geographic Society  ha riconosciuto la Grotta di San Michele Arcangelo come una delle grotte più belle del mondo. Per la precisione la grotta micaelica è stata posizionata all'ottavo posto nella top ten mondiale redatta dall'ente scientifico. Inoltre essa è l'unica grotta italiana inserita nella lista delle prime dieci.

E' passato qualche anno dall'ultima volta in cui ci sono stata ma il ricordo di questo    luogo è mistico. La grotta è meravigliosa, suggestiva. Hai la sensazione di entrare in un posto di altri tempi, mi ha veramente emozionato. 

Il castello è bellissimo, in grado di portarti indietro nel tempo, con l'atmosfera aragonese che lo caratterizza. 

Il castello fu dimora di vari principi e nell'XI secolo venne riedificare la parte più antica con la torre dei Giganti (di forma pentagonale, alta 18 metri e con mura spesse 3 metri). La struttura venne assumendo importanza nella difesa del Gargano uno dei tre Castra exempta (privilegiati). 

Per saperne di più cliccate su https://it.m.wikipedia.org/wiki/Castello_di_Monte_Sant%27Angelo

Se volete provare un'esperienza gourmet, vi consiglio il ristorante 

Li jalantuumene 

Segnalato da 

Slow Food

Panorama

Michelin

Routard

Gambero Rosso

L'Espresso 

...

Affacciato su una romantica piazzetta, la  passione del cuoco Gege' Mangano vi farà gustare delle ottime rivisitazioni di piatti tipici pugliesi. 

martedì 25 agosto 2015

White Ostuni Beach Club


Bianco è il colore caratteristico di Ostuni e non poteva essere che "White" il nome dell'esclusivo beach club. 
Il bianco predomina anche da "White Ostuni Beach Club", passerelle, gazebo, arredi e complementi che racchiudono un  accogliente restaurant e beach bar a ridosso della spiaggia. 
Alcuna concessione demaniale, motivo per il quale ognuno può far posizionare il proprio ombrellone nel punto che preferisce in una spiaggia di sabbia bianca finissima. 


Di giorno punto ristoro ad un passo dal mare ma durante il pomeriggio si trasforma... Dalle 18 fino a tarda sera infatti, aperitivo e live music rendono il "White Ostuni Beach Club", un luogo da vivere dallo scenario incantevole. 



Io l'ho scoperto grazie ad una serata di degustazione della Cantina Vinicola Ognissole, che ha accolto i suoi ospiti con un cocktail a base di vino e  Schweppes.  



Oltre all'aperitivo a base di pesce, un primo preparato dallo Chef Paolo Barrale: un risotto speciale, mantecato al limone con erba cipollina e polvere di caffè. Ottimo. 

"Barrale, origini siciliane, ha una grande scuola alle spalle. I suoi piatti sono espressione, sunto e, insieme, ricordo di tanti momenti della sua vita, dell’infanzia in Sicilia, alle esperienze a Roma in una brigata internazionale e, adesso, in Campania. Elegante locale di design con vista sull’Irpinia, Marennà è un fedele e accreditato testimonial della cultura dell’accoglienza di Feudi San Gregorio. Un luogo che diventa anche occasione di incontro e confronto, dove i profumi i colori intensi e i sapori autentici sono i protagonisti e dove un attento show-cooking svela agli ospiti i gesti e le tecniche della brigata di cucina. Paolo Barrale è anche lo chef del ristorante San Gregorio all’interno dell’Areoporto di Capodichino, aperto a marzo 2015."





"L’azienda Ognissole è frutto della visione e degli investimenti realizzati da Feudi di San Gregorio, che produce vini nelle principali regioni viticole del Sud Italia (Campania, Basilicata e Puglia). L’idea fondante del progetto è di dar vita ad una cantina autonoma, con un brand e una personalità completamente distinti da Feudi di San Gregorio, con la quale, però, condivide i principali valori: coniugare al rispetto per il territorio un’immagine di rinnovamento che sia moderna ed elegante. L’obiettivo è produrre vini di qualità, espressione di queste terre e delle loro tradizioni."

Per maggiori informazioni http://www.ognissole.it/

giovedì 20 agosto 2015

Affascinante Idume

Un altro luogo da visitare, per chi viene in vacanza al mare in Puglia, verso Lecce, è sicuramente il bacino con la foce del fiume Idume che sfocia nell' Adriatico, i cui bacini fanno parte del parco del Rauccio, poco più a nord. 
A Torre Chianca appunto, sfocia nel mare fresco e cristallino il fiume sotterraneo Idume



Lungo le sue sponde si possono trovare fitti canneti, varietà di piante tra le quali vi è il narciso ed una "steppa salata" di salicorniauna piccola pianta che si può trovare tutto l'anno, commestibile e ormai famosa data la sua presenza in vari piatti a base mare sapientemente presentati in alcuni ristoranti gourmet. 

A parte ciò, nel bacino dell'Idume confluiscono le acque di alcuni corsi canalizzati con andamento sotterraneo dovuto alla presenza molto diffusa di rocce di tipo carbonatico, ad elevata fessurabilità.

Un motivo per venire a visitare la città al di fuori del periodo estivo, oltre alle bellezze barocche è anche il fiume sotterraneo del quale non tutti conoscono l'esistenza. 
Il suo corso passa fin sotto il centro storico di Lecce. È situato nel comune barocco e lungo la costa delle sue marine: Spiaggiabella e Torre Chianca.
 


Il mio consiglio è di visitare il Museo Faggiano, nei pressi di Porta San Biagio. 
"E' un edificio storico - archeologico privato, un antico convento di suore chiuso intorno al XVI-XVII secolo, ubicato nel centro storico di Lecce
"Nel 2001, il proprietario dell`immobile fu costretto a rompere i pavimenti allo scopo di cambiare dei tubi vecchi che procuravano continua umidita`ai muri. E fu proprio durante questi lavori che iniziarono a riaffiorare testimonianze storico-archeologiche di notevole interesse, che affermavano la presenza di popoli antichi succedutisi nel tempo. Si proseguì con un lavoro di restauro (terminato nel dicembre del 2007) effettuato per intero dalla famiglia Faggiano con la supervisione della Soprintendenza dei beni archeologici di Taranto e sotto la guida di architetti locali,  che ha portato la messa a nudo del banco roccioso e lo svuotamento di tutte le opere scavate in roccia, rendendo quindi la casa un vero e proprio sito archeologico, in cui si possono ammirare piu` di 2000 anni di storia."
[ fonte museofaggiano.it]




Il fiume scorre sotto la città e passeggiando lungo via Umberto I, la strada che ospita la Basilica di Santa Croce, il Palazzo dei Celestini e i vari locali notturni, accostando l'orecchio ai tombini potete sentirlo. 


Ph. Scattate presso Palazzo Adorno, Lecce. 

  1. "Si dice che la maggior parte dei palazzi storici di Lecce posseggano dei pozzi o privati che attingono alle acque 
    o addirittura vere e proprie piscine sotterranee. 
    Alcuni edifici sono costruiti letteralmente sopra il fiume. 
    Palazzo Adorno per esempio."

    [Fonte Salentoacolory.it ]







martedì 18 agosto 2015

Lo "Sperone" più famoso d'Italia

Il Gargano, noto anche come Sperone d'Italia è una subregione dell'Italia che coincide con l'omonimo promontoriomontuoso che si estende nella parte settentrionale della Puglia e corrisponde alla parte orientale della Provincia di Foggia

Insieme al Salento sono importanti poli turistici della Regione Puglia e tra i principali d'Italia. Nel suo territorio è ricompreso il Parco Nazionale del Gargano


Il Gargano si colloca nella partesettentrionale della Puglia e nella parteorientale della Provincia di Foggia.

Nord e a Est è circondato dal mare Adriatico, mentre ad Ovest confina con il Tavoliere delle Puglie e a Sud in parte con il Tavoliere, in parte con il Mare Adriatico nel tratto a Est di Manfredoniafino a Vieste.

Il Gargano si erge tra il mare Adriatico e il Tavoliere e regala un panorama incredibile a chi decide di esplorarlo. 

I comuni più noti del territorio sono 

   Isole Tremiti


   Mattinata, 


Peschici, 


Rodi GarganicoManfredonia, Vieste


Ischitella (Foce Varano e Isola di Varano), Vico del Gargano (San Menaio e Calenella) , Lesina (Marina di Lesina), San Nicandro Garganico(Torre Mileto), Cagnano Varano (foce Capojale e Isola di Varano), Monte Sant'Angelo (Macchia)




CarpinoRignano GarganicoSan Giovanni RotondoSan Marco in LamisApricenaPoggio Imperiale.

Nella zona garganica, caratterizzata da una marcata bio-diversità mediterranea non può mancare la vite, anche se la vitivinicoltura garganica rappresenta solo una nicchia tra le attività agricole del territorio. Negli anni passati questi vitigni rappresentavano un'importante risorsa economica: il più pregiato dei vini del Gargano era il Moscato

Tra i vitigni sono da ricordare i cosiddetti "Vini di Vico" (a bacca rossa il 
Macchiateli, il vino d'Aneli, il vino di Mastrociani, il Pampanone; a bacca bianca il Nardobello), altri ancora sono i "Vini di Monte Sant'Angelo" (il rosso Neretto, uno dei più antichi, sicuramente autoctono).


Per chi vuole scoprire il Gargano, una proposta per settembre in uno dei luoghi più suggestivi del posto.
 
Dal 19 al 26 settembre a Vieste a partire da 1000€ in coppia Hotel Residence Il Porto. 







Modific

La gastronomia garganica propone piatti ricchi e gustosi, ma al contempo semplici e genuini. Ingrediente f